venerdì 10 ottobre 2014

Non ho più Eupatorium in giardino!

Ciao a tutti! Come state? In questa settimana piovosa, fatta di influenze e gastriti non ho guardato il giardino nemmeno 5 minuti!

Ho fatto un giretto solamente questa sera, tornato dal lavoro, per raddrizzare un Eupatorium che con l'acqua si era sdraiato tutto. Mentre lo legavo un poco mi è venuto in mente di aver visto il suo nuovo nome. Ebbene si, anche lui ha cambiato sia Genere che specie! Siamo passati da Eupatorium rugosum 'Chocolate' ad Ageratina altissima 'Chocolate'. Se non altro, questa volta, il nome è pronunciabile ma il peggio viene dopo.

Ageratina altissima 'Chocolate'
La pianta è robusta e possiede delle bellissime foglie porpora che fanno contrasto con le infiorescenze bianche. Ama la mezz'ombra ed un terreno mai troppo asciutto. Quest'anno la fioritura è stata generosissima, sicuramente la stagione umida e poco soleggiata ha contribuito molto!

Dettaglio del fiore.
Il peggio che ho preannunciato arriva ora. Ad Orticolario ho acquistato un Eupatorium similissimo a questo ma possiede foglia verde ed una bellissima infiorescenza color violetto.  Tranne che per la colorazione le due perenni si assomigliano moltissimo e ingenuamente ho pensato che avesse cambiato nome anche lui in Ageratina 'qualcosa'. Sarebbe troppo bello, quello che ho acquistato come Eupatorium coelestinum ora dev'essere chiamato Conoclinium coelestinum.

Conoclinium coelestinum
Ma se prima erano tutti e due Eupatorium come mai ora hanno nomi diversi? Non lo capirò mai!
Se poi si fa un giro in rete si scopre che molti altri Eupatorium hanno cambiato nome, tutti diversi uno dall'altro; mistero della botanica.

Finalmente una pianta che il nome ce l'ha fisso, la Rabdosia. Comprata tre anni fa a Masino è attecchita solo nella posizione più calda del giardino dove il terreno è ben drenato.

Rabdosia longituba con la luce del sole.
Di seguito potrete vedere la mia incapacità nel fotografare!

Oggi il tempo era molto coperto e alle 18.00 sembrava quasi buio. Di conseguenza le piante hanno tutte lo stesso colore nelle immagini anche se a occhio nudo era tutto diverso! In tre anni non sono mai riuscito a rendere onore a questa perenne. Con un po' di immaginazione prendete il colore dei fiori dell'immagine sopra e abbinatelo a questa sotto.


Di sicuro ho problemi con il blu! Domani proverò a farne una col telefono! Però non è da tutti i giorni una fioritura blu di questa portata ad ottobre inoltrato!


Questa perenne mi da però l'idea di fragilità. Quando gli steli sono piccolini sembra sempre che debbano rompersi o strapparsi dalla base visto che produce un apparato radicale molto superficiale (nel mio caso). Le talee attecchiscono molto facilmente e addirittura hanno radicato dei rametti che si erano rotti con i temporali.

Dicono sia molto resistente al freddo ma personalmente la proteggo con una pacciamatura visto che una delle piante posta in posizione ombreggiata è morta in inverno.

Rabdosia longituba, dettaglio del fiore.
 Nelle vicinanze c'è anche l'Aster 'Montecassino che pur avendo un mare di oidio fiorisce senza problemi! Assomiglia a 'Snow Flurry' ma è più grande in tutto.

Symphyotrichum ericoides 'Montecassino'
Quest'anno sono riuscito a beccare fiorito anche uno zafferano. Questi bulbi hanno la sfortuna appiccicata a loro: ogni autunno, appena sbocciano, arriva della pioggia intensa che li spappola e non riesco mai a fotografarli.

Crocus sativus
Anche la Nerine è in piena fioritura. Dopo 6 anni in giardino questo bulbo sudafricano ha deciso di sbocciare dopo la stagione più fresca del secolo, chi lo capisce è bravo!

Nerine bowdenii
Io per oggi vi lascio con questa Lagerstroemia vestita di rosso! Un buon fine settimana a tutti!

Lagerstroemia indica

21 commenti:

  1. Pięknie i kolorowo jeszcze. Rabdosia longituba śliczna, nie znam tej rośliny, fantastycznie kwitnie.
    Pozdrawiam serdecznie, miłej niedzieli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Talibra! Si, ci sono ancora molti colori! Tra un mese però comincerà a gelare la notte!

      Un saluto :)

      Elimina
  2. Scopro adesso ... wow ... tutto molto bello e ben coltivato ... complimenti!
    Ciao
    Moreno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Moreno, grazie mille e benvenuto!!

      Elimina
  3. Ma come mai tutte 'ste crisi d'identità???
    E' veramente bizzarro che due piante che fino a poco tempo fa avevano lo stesso nome, ora siano 2 cose diverse.... mah misteri botanici!
    Si facciano chiamare come gli pare, ma sempre belle restano.
    Ho visto le tue nerine, molto belle. Le mie iniziano solo ora a schiudersi, spero il maltempo non le rovini.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, probabilmente c'era poco lavoro e i botanici si sono fatti due risate cambiando nomi di qua e di la :)

      Le nerine mi sembrano molto resistenti al maltempo! Pensa che quando avevo preso le mie sul pacco c'erano le fotografie delle tue! Mi accontento del rosa sbiadito ormai :D

      Un saluto :)

      Elimina
    2. A me piacciono di quel colore. Certo che quando credi di aver preso una cosa che poi si rivela tutt'altro; un poco "girano". A me era capitato con una rosa, ma adesso ci sono pure affezionato!! Ciao

      Elimina
    3. Hai ragione! Dopo un po' ci si affeziona ma devo anche dire che dopo tutti questi anni ad aspettarle avrebbero potuto fiorire anche in marrone che sarei stato contento lo stesso :D :D

      Elimina
    4. Sono tanti i colori delle Nerine! La tua dev'essere una Nerine alba, mentre quella di Jampy dev'essere la classica Isabel dal colore intenso.
      Se vi fate un giro da Raziel ne vedete di ogni colore! C'è poi il Lycoris che è praticamente identico alle Nerine ma con colori dal giallo all'arancio (anche se non sono mai riuscito a farlo fiorire!)

      Elimina
    5. Ciao! I Lycoris li ho piantati in primavera ma quest'anno si sono dedicati solamente alla produzione di foglie! Spero nel prossimo autunno!

      Elimina
  4. La Rabdosia è magnifica! L'ho vista poco tempo fa al castello di Paderna ed ero tentata di comprarla, poi però ho lasciato perdere perché credo sia una pianta che vuole SEMPRE terreno umido ... e io in estate non riesco ad assicurarglielo sempre ...:-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia, sai che quando l'ho presa credevo fosse da terreno secco e l'ho messa in un posto asciutto davanti ad un muro rivolto a sud... È li da 3 anni e pare gradire :)

      Il mio consiglio è di farti dare una talea, alle fiere la vendono a prezzi assurdi! :D

      Un saluto!!!

      Elimina
    2. Mmmhh ... non so come riuscirò a procurarmi una talea, magari l'anno prossimo andrò alla mostra munita di forbici e vestita come un ninja, chissà ... :-)

      Elimina
  5. Per fortuna, a differenza di noi umani, l'Eupatorium non sembra soffrire crisi di identità e prospera allegramente! Quanto alla Rabdosia, è sempre un colpo al cuore vederla così bella... ma in clima mediterraneo (si fa per dire, ora a Genova siamo in un ciclone equatoriale, purtroppo ) me la posso scordare. Buon lavoro!
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, dici che li non cresce? Mi ricordo di una gita ad Alassio qualche anno fa, avete un clima spettacolare ma anche tanto terreno arido. Mi fanno sempre impressione quelle montagne un po' brulle.

      Però ho visto quelle piante del falso pepe (rosa) molto grandi, qui non potrei nemmeno nominarle :D

      Saluti cari!!

      Elimina
    2. Vedi che non si è mai contenti del proprio mondo! Ogni mattina per andare al lavoro devo chinare la testa sotto un falso pepe, ma non mi fa né caldo né freddo, mentre spasimo per le Astrantia che non avrrò mai... e altre piante "impossibili".
      Paola

      Elimina
    3. Purtroppo è così!!! Potremo scambiarci vita per qualche settimana :D

      Elimina
  6. ma le scovi proprio tutte! bravissimo!
    si, sulle foto c'è un po'da lavorare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara! Grazie :)

      Si, con certi colori ho una grande difficoltà, soprattutto in questa stagione quando non c'è il sole. I blu non escono blu e i rossi sembrano rosa :D

      Elimina
  7. Non è che anche quest'autunno farai un salto a Masino? Io probabilmente ci sarò venerdì allo stand ADIPA, se passi da quelle parti fatti vivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick! Ti ho risposto sul tuo blog :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...