martedì 28 luglio 2020

La bella stagione


Ciao a tutti come state? Qui molto bene, l’estate è infatti nella norma con qualche giorno fresco che fa venire la voglia di mettersi una felpa al mattino. Il giardino procede in modo molto autonomo, quasi troppo e la cosa non mi piace. Non riesco a godermelo come vorrei ma spero di dedicargli una giornata intera prima di agosto per poter perlomeno raddrizzare e legare ai tutori le perenni più vigorose che già in questi giorni stanno soffocando le più esili.

Nella zona più soleggiata le fioriture sono molto vistose.


Al centro si può osservare una varietà gialla di belamcanda che curiosamente è nata spontanea dai semi di una classica arancione. Per anni ho aspettato invano che la pianta madre producesse della prole ma dopo quatto anni mi sono arreso. Da qualche stagione trovo invece piccole piantine ovunque, persino in mezzo al prato.

Iris domestica giallo
La pianta madre continua a ingrandirsi e a fiorire malgrado l’ombra del ciliegio! La fioritura ombreggiata è simile a quella in pieno sole ma la rigidità della pianta cambia molto. In ombra o mezz’ombra ha bisogno un tutore per stare dritta.

Iris domestica
Tra i gigli spiccano i martagoni rosa che come ogni anno si superano sotto al faggio pendulo mentre i delphinium azzurri innalzano le spighe per farsi notare. Negli ultimi anni si sono disseminati anche loro ma il colore non è variato.

Lilium martagon
I gigli botanici sono i più belli ma per colpa del poco spazio posso permettermi solo poche specie come questo gigante arancione che tocca i due metri d’altezza.

Lilium henryi
Il tigrinum si avvicina alle varietà più classiche vendute anche nei supermercati ma la sua forma e i punti scuri lo rendono molto riconoscibile. La versione bianca è una delle mie preferite.

Lilium tigrinum ‘Sweet Surrender’
Tra le varietà da supermercato c’è questo giglio bianco dell’Aldi. Erano tre bulbetti rinsecchiti che dopo un paio d’anni si sono trasformati in mostri di quasi 180 centimetri. I fiori enormi sono l’attrazione principale dell’aiuola.


Vicino al muro di confine si trovano invece i Landini, più piccoli ma molto fioriferi. Il fiore molto scuro ha la caratteristica di durare molti giorni anche nelle giornate calde e soleggiate.

Lilium 'Landini'
Se i gigli sono tutti fioriti, i flox stanno appena cominciando a partire dal bel blu in mezz’ombra. È soffocato dalle sue vicine ma riesce sempre a produrre delle vistose pannocchie.

Phlox 'Blue Paradise'
Poco distanti le echinacee sono esplose nell’aiuola lungo il muro. Questa stagione sono molto esuberanti e sono fiorite benissimo in quasi tutto il giardino. In questo caso sono in compagnia dell’Allium sphaerocephalum che quest’anno è rimasto eretto da solo malgrado i temporali.

Echinacea purpurea
All’ombra i deinanthe bianchi sono sbocciati al meglio così come quelli blu che mi sono scordato di fotografare.

Deinanthe bifida
Io per ora vi lascio e vi auguro una buona estate!

Astilbe chinensis var. pumila
 
Eryngium agavifolium
Aggiungi didascalia





venerdì 26 giugno 2020

Freddo e caldo


Ciao a tutti come state? Dopo un lungo periodo governato da restrizioni e confinamenti stiamo lentamente tornando alla normalità. Speriamo di aver imparato la lezione per il futuro ma non sono ottimista. Anche la stagione sembra aver trovato la retta via con il caldo delle ultime settimane giunto dopo un bel periodo di pioggia e fresco che personalmente ho apprezzato molto. Il giardino sta reagendo bene alla calura non esagerata ma ha sofferto molto gli sbalzi di temperature di questo strano anno e alcune piante stanno fiorendo tardi o poco. Nell’ultimo mese ho avuto pochissimo tempo da dedicare al verde quindi mostro qualche immagine delle scorse settimane fresche.

Come anticipato certe perenni sono fiorite poco ma alcune sono esplose stupendomi parecchio come questa spostata nel ghiaietto anni fa.

Sisyrinchium striatum
Si tratta di una pianta molto semplice da gestire se posta al sole e in un bel terreno fertile. Sopporta molto male la concorrenza con altre perenni perciò è bene metterla a dimora in un luogo spazioso con del terreno libero a sufficienza da poter ospitare i sui semi fertili. I fiori sono piccoli ma tendono a sbocciare ripetutamente sulle spighe facendosi notare per settimane. È decisamente una delle mie piante preferite.


Nella zona del vialetto in pietra ogni vegetale tenta di occupare lo spazio del camminamento e spesso è necessario diradare le piante per poterci camminare.



Quest’anno le digitali non hanno fatto faville per via del gelo tardivo che ne ha bloccato la crescita in alcune aiuole esposte. In compenso le grosse campanule viola sono fiorite più del solito. Sarà un caso ma non è la prima volta che le vedo combinate con l’Hakonechloa macra ‘All Gold’.

Campanula punctata 'Sarastro'
Abbiamo già detto che le digitali hanno avuto poco successo ma sono riuscite a dare lo stesso delle combinazioni tutte da gustare come con la Salvia ‘Amistad’ fiorita troppo in anticipo.


Sotto al cercis una spiga ha ospitato un iris di piccola statura.

Iris chrysographes 'Black Form'
Nell’aiuola del vecchio orto è sempre una conferma il Polygonatum cinese che è in giardino da molti anni! I suoi fiori rossi sbocciano numerosi ogni anno prima di produrre delle simpatiche capsule gialle contenenti i semi che qualche volta sbocciano nelle zone vicine.

Polygonatum kingianum
Nelle vicinanze fiorisce anche l’asfodelo giallo che non è nella posizione migliore. Ogni anno mi regala una timida spiga gialla anche se deve combattere per avere il sole.

Asphodeline lutea
Sotto al ciliegio invece ci sono piante d’ombra e quindi crescono bene al riparo dal sole dando il massimo come la bella persicaria rossa.

Persicaria 'Red Dragon'
Il tempo è poco da dedicare al blog e quindi per oggi vi saluto con l’immagine dell’entrata del cancello. Buona serata e buona settimana a tutti voi!

Alstroemeria 'Indian Summer'
 
Picea orientalis 'Aureospicata'
Astrantia major
Kalmia latifolia

lunedì 11 maggio 2020

Maggio blu e bianco


Ciao a tutti come state? È una stagione strana in giardino infatti, per la prima volta, molte perenni come le digitali sono in ritardo a causa del gelo di fine marzo. Le piante che non hanno sofferto sono fiorite meglio del solito e hanno creato un effetto di bianchi, blu e celesti nell’aiuola del vecchio orto.

Libertia formosa
La Libertia ha fatto per la prima volta dopo dieci anni una spettacolare fioritura davanti agli iris che l’anno scorso erano stati rotti dal vento. Posso dire che da quando ho il giardino non avevo mai visto una combinazione del genere con gli iris siberici in sottofondo che solitamente fiorivano molto più tardi. Gli osservatori più attenti avranno notato che un iris barbato è diverso da tutti gli altri. Mi era stato donato da una signora ad un’edizione della borsa delle piante di Mendrisio molti anni fa ed era stato ibridato e seminato da lei. Nel caso qualcuno la conoscesse vorrei davvero ringraziarla e farle sapere che fiorisce regolarmente ogni anno.
Visto che si parla di blu e bianchi devo rendere giustizia ai miei agli preferiti. Quelli bianchi a fiore grosso e una decorativa foglia glauca.

Iris siberica in primo piano.
L’aiuola è stranamente rada per questo periodo ma confido che prima o poi le digitali cominceranno a farsi vedere dove assieme alle echinacee e i flox renderanno i toni più rosa.

Allium stipitatum 'White Giant'
Sporadicamente sono fiorite alcune aquilegie che negli anni sono andate a riempire i pochi spazi liberi presenti.


Anche sotto al ciliegio è fiorito un aglio. Avevo interrato diversi bulbi ma essendo ombra la fioritura è minore rispetto alle immagini precedenti. In quel luogo vengono molto meglio le persicarie come quella a foglia rossa che si vede al centro. Anche lei dovrebbe essere molto più alta ma il freddo l’aveva completamente sciolta e quindi è dovuta ripartire da zero.

Persicaria 'Red Dragon'
Gli alberi del giardino stanno crescendo molto e stanno creando l’effetto voluto: avere un piccolo giardino di 170 metri quadrati scarsi inserito in un classico quartiere residenziale e trasformarlo in una piccola oasi verde dove la privacy è garantita, dove l’ombra e il fresco si riescono a trovare anche in piena estate e dove uccelli e altri insetti possono convivere con l’ambiente creando una biodiversità utile alle piante.

Euphorbia characias 'Silver Swan'

In un angolo ombroso sotto al faggio pendulo è in fioritura l’epimedio più alto e più tardivo di tutti, il gigante.


Epimedium 'The Giant'
Negli anni ho piantato diverse peonie erbacee in diverse aiuole e diverse posizioni. Non sono mai venute bene e pian piano le ho eliminate e regalate. Lo scorso anno l’amica Marisa mi ha regalato una piccola divisione di un’altra specie di peonia a fiore semplice alla quale ho dedicato un posto in prima fila davanti alle finestre di casa. Non ho mai avuto molte speranze ma in primavera, durante la pulizia del giardino, ho trovato una gemma molto grossa proprio alla base della pianta, gemma che crescendo è riuscita a sviluppare un bellissimo fiore color pesca, tra i miei toni preferiti in giardino.

Paeonia wittmanniana
Proprio sopra di lei una bella clematide è fiorita quasi del medesimo colore.

Clematis koreana 'Dusky'
In questa giornata piovosa io vi lascio ma vi auguro un’ottima settimana e un lento ritorno alla normalità.

Corydalis 'Blue China'
Iris 'Autumn Circus'
Iris gracilipes 'Alba'
Rosa 'Eyeconic'
Phlox stolonifera
Allium siculum

lunedì 20 aprile 2020

Tempo di Epimedium

Ciao a tutti come va? In questo travagliato periodo è bene restare a casa quindi chi ha il giardino può goderselo al massimo. Molte persone prima lo davano per scontato ma ora stanno scoprendo quanto sia importante avere un piccolo spazio verde nel quale passare il tempo. Io ho ricominciato la settimana scorsa a lavorare ma nelle tre settimane prima mi sono potuto gustare tutte le perenni in fase di crescita anche se l’albero che sta facendo faville è lo Xanthoceras che ormai ha una bella impalcatura fiorita. Aspetto da anni la maturazione dei suoi semi ma a quanto pare non vuol saperne di portarli alla grandezza giusta.

Xanthoceras sorbifolium
Non molto distante, l’arancio dei piccoli tulipani botanici spicca sotto al faggio pendulo che deve ancora aprire le gemme. La caratteristica di questi bulbi è la loro capacità di fiorire molto bene anche a mezz’ombra, vicino a brunnere, hoste e dicentre.

Tulipa 'Little Princess'

Sotto al ciliegio è in piena fioritura la dafne a fiore viola ma in primo piano il dente di cane a fiore giallo si mostra in tutta la sua bellezza. Nell’immagine si vedono anche i narcisi ‘King Alfred’ che hanno la stupenda caratteristica di far durare la fioritura ben più di un mese.

Erythronium 'Pagoda'
Sullo sfondo si può vedere la fioritura della fotergilla a foglia grigia che fa coppia fissa con la bellissima camelia nana che porta dei bei fiori bianchi a campanella.

Camelia 'Cupido'
Le fioriture più caratteristiche di queste settimane sono sicuramente gli epimedi nella zona del vialetto in pietra. Malgrado le gelate tardive abbiano rovinato molti boccioli lo spettacolo è restato circa quello dello scorso anno. Di seguito ci sono i primi di quest’anno.


Sono perenni bellissime che cominciano a diventare di moda negli ultimi anni. Ce ne sono di tutte le grandezze, a foglia caduca o persistente e di tutti i colori. Prediligono di gran lunga l’ombra e tollerano bene il secco e la concorrenza con le radici degli altofusti. Nell’immagine se ne vedono tre molto colorati ma quello a fiore più grosso è sicuramente quello fuchsia a destra con foglia caduca.

Epimedium 'Kodai Murasaki'
In primo piano c’è un giallo sempreverde a foglia e fiori molto piccoli ma vistosi per via della quantità di steli prodotta. Molto adatto ai piccoli spazi si comporta bene anche al sole.

Epimedium 'Lemon Zest'
Sullo sfondo e di color porpora vediamo un altro caduco molto esuberante e vistoso grazie alla sua fioritura alta ed eretta.

Epimedium 'Red Maximum'
Dall’altro lato del vialetto spicca il giallo dell’epimedio più rustico che c’è, in alcuni casi è usato come tappezzante vigoroso per le zone d’ombra.

Epimedium versicolor 'Sulphureum'
Dietro di lui cresce un altro giallo ma più elegante e slanciato.

Epimedium davidii
Vicino si trova il Domino, un epimedio dal fiore grosso, dai toni chiari e che forma spighe molto generose. Sicuramente dovrò dividerlo perché a questo ritmo ingloberà anche tutte le altre varietà.

Epimedium 'Domino'
Tra le varietà a rischio soffocamento c’è il più apprezzato dai visitatori della pagina instagram. Di statura bassa produce un fiore viola molto grosso. L’unica pecca sta nel fatto che i fiori durano poco sulla pianta e difficilmente si vedono infiorescenze fitte.

Epimedium acuminatum 'Night Mistress'
Lungo il vialetto spiccano tutti questi giganti e solo l’occhio attento riesce a scorgere questo piccolo gioiello di bassa statura.

Epimedium 'Miyako'
Tra i più precoci c’è il Black Sea, vigoroso di foglia ma con delle spighe molto alte e slanciate che si fanno notare malgrado i singoli fiori siano molto piccoli. Forse il più banale ma uno dei più attesi perché solitamente segna l’inizio della primavera.

Epimedium 'Black Sea'
Insieme a lui fiorisce anche quello sotto la Camelia ‘Cupido’. I fiori sono molto grossi e di un color pesca apprezzato da tutti.

Epimedium versicolor 'Discolor'
Di colore simile c’è l’epimedio sotto il ciliegio. Purtroppo è la zona dove il gelo ha picchiato duro e molti boccioli sono andati persi.

Epimedium 'Pink Champagne'
Nel vecchio orto è fiorita per la prima volta una specie interessante. Il fiore è piccolo e biancastro ma si sta espandendo molto e potrà essere diviso.

Epimedium pauciflorum
L’ultimo che vi mostro oggi è il mio preferito. Una specie molto vigorosa che cammina parecchio ma che produce dei fiori a forma di coppa portati su spighe molto alte. Anche questa andrà divisa e portata nell’altro terreno.

Epimedium pubigerum
Io per oggi vi lascio ma vi auguro di stare bene e di tenere duro finché la crisi non sarà passata.

Hyacinthoides hispanica
Uvularia perfoliata
Symphytum 'Hidcote Blue'
Muscari armeniacum 'Fantasy Creation'

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...