sabato 7 aprile 2018

Crocus tra inverno e primavera

Ciao a tutti come state? Qui finalmente sembra sia arrivata la primavera tanto desiderata, la notte non gela più e le temperature di giorno stanno sopra i 10 gradi. L’unico disagio è la pioggia, dopo mesi di freddo e neve ora sembra non voler fare 4 giorni di fila di tempo soleggiato: è l’esatto contrario della scorsa arida stagione. Purtroppo questo strano clima, combinato al freddo intenso proveniente da est, ha compromesso il momento dei crocus più precoci mentre alcuni di quelli tardivi hanno sfoggiato la loro miglior fioritura nella zona dei bucaneve che ormai si avviano verso la fruttificazione.


Questi bellissimi crochi sono tra i miei preferiti per le loro dimensioni ridotte e il loro fiore blu molto resistente alle intemperie. Col passare del tempo si stanno propagando un po’ ovunque nell’aiuola a mezz’ombra sotto al ciliegio.

Crocus tommasinianus 'Whitewell Purple'
Ora tutti questi piccoli bulbi sono sfioriti ma hanno dato il via a tutte le altre fioriture più grandi di loro come quelle dei pochi ellebori del giardino che, malgrado la loro minuta presenza, si rendono ben visibili grazie al particolare color tenue che spicca nell’aiuola ancora spoglia.


Mentre questi ellebori orientali fioriscono in modo prepotente, nell’aiuola del muro si fa notare anche il tibetano, più ridotto e decisamente più lento nella crescita anche se risulta quasi più bello con il suo fiore a campanella. Nel giardino, come avrete notato in più occasioni, le distanze di piantagione non sono per nulla rispettate e spesso gli ellebori fanno fatica a ritagliarsi uno spazio vitale così che in alcuni casi deperiscono col passare degli anni. Il tibetano, pur essendo notoriamente delicato, è l’unica pianta perenne in giardino di questo genere che sembra non volersi preoccupare delle molteplici essenze vicino a lui che nell’arco della stagione raggiungono anche il metro e mezzo d’altezza. In pratica lo vedo spuntare in febbraio, fiorire ad aprile e dalla metà di maggio in avanti sparisce nel folto dell’aiuola fino alla prossima primavera.

Helleborus thibetanus
L’arrivo della bella stagione porta sempre il sollievo e la felicità di poter vedere la rinascita del giardino e della natura grazie anche ai profumi che, in questo caso, vengono dalla zona del melo dove la dafne e i giacinti riempiono l’aria con una deliziosa fragranza.

Daphne odora 'Aureomarginata' 
Questo bellissimo arbusto ha fatto molta fatica ad attecchire i primi anni ma poi, una volta raggiunto il mezzo metro d’altezza, le foglie hanno smesso di cadere d’estate e la fioritura è stata abbondante per tutte le stagioni, soprattutto quest’anno dove il profumo si sentiva fino alle finestre di casa. Le piogge frequenti non la rovinano mai e i suoi fiori dalla consistenza rigida resistono alle intemperie e profumano per settimane.


Nel piazzale l’odore è diverso perché a differenza della dafne, la forsizia bianca emana un forte profumo di miele molto intenso.

Abeliophyllum distichum
Nella zona ombreggiata la dolce fragranza proviene invece dall’Edgeworthia che sembrava compromessa dal gelo ma che invece ha fiorito abbondantemente.

Edgeworthia chrysantha
Io per ora vi saluto con la fioritura delle scille, bulbi facilissimi che si propagano esponenzialmente.

Scilla siberica




25 commenti:

  1. Anche se sta piovendo parecchio devo dire che il tuo magnifico giardino sembra non risentirne!! Ciao Pontos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jampy! Il giardino no ma io si, ormai sono due settimane che lavoro sotto la pioggia... sto valutando se cambiare lavoro o paese :)

      Buona settimana!

      Elimina
  2. Your garden is fragrant, pontos. Well, spring brings scents in all corners. I love your Daphne that is weatherproof and pretty. The Tibetan hellebore is amazing as well.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Alla fine della settimana vedrò se ha davvero resistito a tutte le piogge primaverili ma sono sicuro di si :) L'elleboro sta sfiorendo, controllerò i semi!

      Un saluto e un augurio di buona settimana :)

      Elimina
  3. Come al solito è tutto ottimo, ma l'elleboro orientale è un sogno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura! Come al solito troppo gentile! Ora aspettiamo che smetta di piovere :D

      Un caro saluto :)

      Elimina
  4. So beautiful in your garden. We had a lovely day in the garden yesterday.
    Spring is here.
    Best wishes /Marika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, qui purtroppo continua a piovere ma le piante sembrano gradire :)

      Un saluto e una buona continuazione!

      Elimina
  5. Le tue foto sono sempre molto belle, in particolare quelle coi crochi e i bucaneve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, diciamo che loro sono molto fotogenici :D

      Un saluto :)

      Elimina
  6. La daphne puoi anche talearla! Talee piccole però! Io l'ho avuta ma qua fa troppo caldo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, che piacere! Davvero?? Mi viene voglia di provare!! Grazie per questa informazione! Mi ricordo le foto delle tue, avevano una bellissima forma!

      Elimina
  7. Wonderful spring wonderful spring flowers.
    Greetings.
    Lucja

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucja, grazie mille, purtroppo qui continua a piovere e il giardino non riesco a godermelo.

      Un saluto e una buona settimana a te :)

      Elimina
  8. Il tuo giardino è già in bellissimi fiori e i loro profumi sono già lì. Finalmente primavera e puoi goderti gli occhi con i colori. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giga! Come stai? La primavera è arrivata ma purtroppo con lei anche un'infinità di pioggia! Di caldo per ora non si è visto nulla. Ti auguro una buona continuazione e ti mando un saluto!

      Elimina
  9. Risposte
    1. Ciao! Grazie :) un buon week end anche a te ;)

      Elimina
  10. Un giardino carico di bellezza e di profumi.
    Ho sempre amato gli ellebori,ma ne ho timore...come di tutte le piante tossiche.
    Oggi in giardino è spuntata la stella di Betlemme (latte di gallina)non ho resistito e ho colto alcuni steli, ma anche lei è tossica anche se viene usata nei fiori di Bach.
    Finalmente è esplosa la primavera!
    Ciao e buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura! Quello delle piante tossiche è un bel discorso da intraprendere. Noi ce ne occupiamo spesso quando i clienti hanno bambini altrimenti i pericoli sono pochi :) Non avevo mai considerato il veleno dell'elleboro, sarà che li tocco davvero poche volte :) La primavera è esplosa anche troppo, da 12 gradi siamo passati a 27... non c'è più un anno normale a quanto pare :)

      Ti faccio un carissimo saluto e ti auguro un buon fine settimana :)

      Elimina
  11. Come hai già letto nei miei angoli di web, le scille allietano anche me: crescono spontanee nel prato dei miei e m'incantano da quando ero piccola, spuntando insieme alle primule coi primi veri tepori, quando si esce senza nemmeno infilare la giacca. Sono ripetitiva ma è un momento dell'anno così adorabile che non posso fare a meno di ricordarlo ogni volta che capita! 😊
    Che colore raffinatissimo il tuo elleboro orientale, davvero stupendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai pienamente ragione, è il periodo migliore! Purtroppo quest'anno siamo passati dal freddo al caldo esagerato in troppo poco tempo e quindi mi godo adesso i primi tepori tra un diluvio e l'altro. Le scille come hai ben detto segnano definitivamente la fine dell'inverno e il loro blu è sempre incredibile :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...