sabato 22 novembre 2014

Piante velenose, queste sconosciute.

Attenzione: questo post non è stato fatto per incutere paura!

Nei nostri giardini ospitiamo spesso piante molto velenose e non ci facciamo caso! Il più classico dei classici è l'oleandro che contiene un glicoside cardiotossico che può provocare danni anche in piccole quantità. Addirittura si dice che dormire tutta la notte sotto un arbusto di questo tipo porti ad avere qualche problema. Senza esagerare, e qui parlo per esperienza, dopo ore e ore a potare oleandri, in certi periodi dell'anno, cominci a sentire un sapore molto amaro in bocca. Malgrado questo non ho mai visto nessuno farsi problemi a piantarlo con bambini nelle vicinanze.

Anche l'ortensia più classica, quella che c'è un po' ovunque, contiene sostanze molto simili al cianuro.

Ma vado verso le perenni visto che più o meno gli arbusti velenosi si conoscono.

Il fiore forse più noto a tutti come velenoso è la digitale. 40 grammi di foglie possono portare un uomo alla morte in poco tempo. Contiene sostanze molto simili a quelle dell'oleandro. Lo stesso vale per le altre piante del genere Digitalis come la obscura, la ferruginea e la lutea.

Digitalis purpurea
Anche i Penstemon sono altamente tossici e posso portare a problemi seri se ingeriti!

Penstemon barbatus 'Coccineus' in rosa.
Tra le più velenose c'è però l'aconito. L'aconitina in esso contenuto intacca il midollo per poi far collassare tutti gli altri organi del corpo. Nella mitologia greca si dice che la pianta di aconito sia nata dalla saliva di Cerbero. 

Aconitum napellus
 L'anemone giapponese è tanto comune ma può rappresentare anche lei un pericolo per animali erbivori in quanto contiene protoanemonina, sostanza che risulta tossica anche per l'uomo.

Anemone hupehensis var. japonica
Nella sua eleganza, anche il mughetto, nasconde una sostanza simile a quella delle digitali ma dieci volte più potente. Le bacche colorate sono uno dei motivi per cui è meglio non piantarlo in vicinanza di bambini. Le foglie molto simili all'Allium ursinum hanno avvelenato alcune persone qui nella mia regione perchè finite nell'insalata al posto dell'aglio degli orsi che cresce selvativo.

Convallaria majalis
Il narciso è un'altra di quelle perenni che pochi temono ma in realtà contiene nelle foglie e nel bulbo un alcaloide chiamato narcisina che può portare i reni al collasso. Nessuno ovviamente mangerebbe un narciso ma negli anni ci sono stati gravi casi di avvelenamento da parte di persone che confondevano il bulbo con quello delle cipolline selvatiche.

Narcissus poeticus
Con questo post non voglio creare panico o paura ma voglio solo ricordare che anche dietro alla bellezza e alle piante ornamentali possono nascondersi insidie perciò vanno trattate con un certo modo di fare e rispetto. In questo periodo ho visto anche persone che cucinavano l'Arum italicum e il Taxus baccata. Personalmente mi sento di consigliare una ciliegia o una prugna: più buone e nessun rischio di intossicazione!

Un saluto a tutti voi!!

22 commenti:

  1. interessantissimo come al solito ! Bravissimo Pontos.
    Sai che ho una certa predilezione per il veleno delle piante, e mi ha colpito molto la tua esperienza in bocca dopo le potatute di oleandro.
    Io ne ho recentemente potate parecchie, poi le ho bruciate tutte. Per evitare tentazioni autolesioniste :)
    Ciao, buone cose L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, non ricordavo fossi appassionata di piante velenose! Si, per mezza giornata ho dovuto sopportare quel gusto poi è passato! Avevo già il panico :D
      Haha mi piace questa cosa del bruciarle!

      Ciao e buona settimana :)

      Elimina
    2. no, non sono appassionata di piante velenose, sei tu che mi hai impedito di fare una strage, quando mi hai informata che il tasso NON era poi così buono, come incautamente consigliavo a tutti ... tremo ancora al pensiero. Da allora sei quasi un eroe :)

      Elimina
    3. ahhhhh :D ho capito! Sembra quasi una moda in questo periodo usare il tasso in cucina ma sinceramente penso che metà delle volte siano solo parole, dubito che ci sia davvero il coraggio. Haha eroe, esagera! Meglio un buon ribes :)

      Elimina
    4. chi consiglia di cucinare il tasso è un cretino. L'ho detto !

      Elimina
    5. Ha ha ha , diciamo che si prende una grande responsabilitá :D

      Elimina
  2. Sapevo dell'oleandro e del mughetto ma delle altre non ne avevo nessuna idea. Grazie dell'informazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! Haha volevo allungare la lista ma mi sembrava di essere catastrofista!!

      Auguro una buona settimana anche a te :D

      Elimina
  3. Ciao Pontos! Bello il tuo post "velenoso".
    Di alcune già sapevo, di altre no...
    Da me praticamente è pieno!!!!!! Per fortuna non ci sono bimbi che girano ed il mio piccolo cane non sembra interessato a bulbi ecc.
    BUona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jampy! Gli animali sono molto più intuitivi di noi per certe cose :) A meno che non siano proprio affamati!!

      Per fortuna! Dalle foto poi vedevo che non c'erano danni da cane! Mi sa che lo hai educato al rispetto del verde :)

      Un saluto e a risentirci presto.

      Elimina
  4. So beautiful and so nice with summer pictures and flowers in November darkness.
    Good Sunday to you.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marit! Grazie mille! Anche da te ho visto ancora molti fiori :)

      Un saluto :)

      Elimina
  5. Wunderschöne Bilder!

    lg kathrin

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kathrin! Grazie mille :)

      Un saluto :)

      Elimina
  6. Such an informative post that I think is very important! I knew of some of those examples but not all! And with small children and pets people should be aware! Thanks for sharing and such gorgeous flowers friend! Nicole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicole! Non bisogna averne paura ma come dici tu è meglio fare attenzione a certe cose quando si hanno bambini o animali :)

      Saluti :)

      Elimina
  7. Graziedavvero per le notizie: per esempio, avrei messo la mano sul fuoco sull'innocenza dei Penstemon!
    Per fortuna un giardiniere normale corre davvero pochi rischi... basta non farsi prendere dalla paranoia ed escludere dal giardino piante bellissime e raramente rischiose , no?
    Ciao e a risentirci
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola! Sono d'accordo con te! Certe informazioni sono utili ma non strapperei mai una pianta solo perché velenosa! Se un giorno avrò bambini magari potrei pensarci. Poi indagando bene in molte altre piante ci sono sostanze velenose ma credo che nessuno assaggi perenni a caso in giardino :D

      Anche le aromatiche in alcuni casi possono diventare pericolose ma come per tutte le cose a farne la tossicità è la quantità.

      Un saluto e a risentirci con piacere.

      Elimina
  8. So che questi fiori e so che sono velenosi. Quindi penso che la nipote, quando è in giardino. Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giga! Che piacere sentirti! Si, meglio tenere sempre gli occhi aperti con i bambini, sono estremamente curiosi :)

      Un saluto!!

      Elimina
  9. Bellissimo post! Curioso pensare che molte delle piante velenose che hai descritto lo siano a causa di un glicoside cardiotossico. Però, come diceva Paracelso "Dosis facit venenum.", infatti la digitale viene ancora usata per il trattamento di alcuni scompensi cardiaci.
    Scommetto che in giardino non tieni solanacee, altrimenti avremmo visto lo stramonio a dominare questa magnifica e tremenda classifica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bafe, vedo ora il commento, scusami! Di quelle ne ho poche anche perchè occupano moltissimo spaizio!!

      Ciao Bafe! A risentirci!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...